Comunicazioni dalle regioni

24-08-2015

Il Segretario di ANPCI-Campania in difesa del Comune di Ono San Pietro BS

Corte dei Conti Lombardia: Aggressione a un piccolo Comune: Ono San Pietro (BS).
E’ da molti anni che l’Associazione Nazionale Piccoli Comuni d’Italia combatte contro burocrazie ed ottusità per difendere l’autonomia gestionale ed amministrativa e la democrazia nonchè la storia e la realtà dei piccoli Comuni.
Lo si è fatto con l’art 29, comma 4, della lege 28 dicembre 2001, n. 448 Recante “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2002). (GU n.301 del 29-12-2001 - Suppl. Ordinario n. 285 ) Entrata in vigore della legge: 1-1-2002, emendando il comma 23 dell’art.53 della legge 23 dicembre 2000, n. 388, sono apportate le seguenti modificazioni: portando il potere dei Sindaci e dei Membri della Giunta Comunale nei Comuni con meno di 5.000 abitanti a potere svolgere funzioni gestionali ed ammini   dettaglio

24-08-2015

Il Sindaco di Fiesso Umbertiano (Ro) scrive al Presidente del Consiglio: "Caro Renzi, noi sindaci non siamo piagnoni"

Al Signor presidente del Consiglio
Matteo Renzi

Signor Presidente del Consiglio Matteo Renzi,
in veste di Sindaco del Comune di Fiesso Umbertiano (Rovigo), paese di 4200 abitanti, mi sento di dover respingere con fermezza le sue accuse volte "all'inclinazione ai piagnistei" degli amministratori del governo comunale ed anche al suo successivo incitamento a "rimboccarci le maniche"!
Io personalmente non ho mai "pianto" in relazione al mio ruolo di Sindaco, eventualmente mi sono spesso arrabbiata e mi sento, anche nello stato attuale, frustrata nel mandar avanti un Comune senza l'appoggio di uno Stato Centrale che dovrebbe tutelarmi e mettermi a disposizione i giusti strumenti per dare risposta ai bisogni essenziali di una Comunità che soffre, come del resto penano tutti i Comuni italiani......
  dettaglio

25-05-2015

Piemonte: Comune di BORGONE SUSA Città' metropolitana di Torino DELIBERAZIONE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE
___________________________________

OGGETTO:Ordine del Giorno sulla
salvaguardia dei servizi postali nei Comuni montani e nei centri più piccoli. Approvazione.

>> continua scarica il pdf allegato

25-05-2015

Veneto.Il Sindaco di Resana, pur nella contestazione celebra la ricorrenza dell'entrata in guerra dell'Italia

COMUNICATO STAMPA: CELEBRAZIONI 24 MAGGIO 2015


In riferimento a quanto comunicato dalla Prefettura di Treviso, prot.n. 5303 del 19.05.2015 – vedi allegato - sono a ribadire quanto segue:
- il Patto di Londra (o Trattato di Londra) del 26 aprile 1915 fu un trattato segreto stipulato dal governo italiano con i rappresentanti della Triplice Intesa in cui l’Italia si impegnò a scendere in guerra contro gli Imperi Centrali nella prima guerra mondiale in cambio di cospicui compensi territoriali.
- la classe politica, che portò l’Italia alla prima guerra mondiale, fu mossa da mire espansionistiche; la bramosia di acquisire nuovi territori accecò i componenti del governo Salandra che girarono le spalle alla Germania e all’Austria per sottoscrivere il Patto di Londra con Gran Bretagna – Francia – Russia, con cui si assicuravano una facil   dettaglio

13-05-2015

Calabria. Il Sindaco Trebisacce scrive a Renzi

Gent.mo Sig. Presidente del Consiglio, gli ultimi pesanti tagli ai già modesti trasferimenti delle risorse destinate ai comuni, impongono una seria riflessione, atteso che per molti di essi, compreso il Comune di Nocara (CS) di fatto si è decretata la chiusura, con tutte le conseguenze che ne derivano.
Premesso che non Le attribuisco nessuna responsabilità dell’enorme debito pubblico ereditato, comprendo anche che proprio per la sua enormità, il debito pubblico finisce per condizionare in modo anche considerevole la politica economica del Suo Governo.
Tuttavia ritengo che i metodi ed i modi posti in essere per sanare prima e rilanciare poi l’economia siano quanto meno discutibili.
La parola d’ordine di oggi è fare cassa e per fare cassa si chiude tutto gli osp   dettaglio

13-05-2015

Basilicata. Riceviamo e volentieri pubblichiamo l'appello del referente regionle Anpci sullo Statuto dell'Unione Lagonegrese e a voler approfondire le ragioni sulle scelte operate

Oggetto: note sulla costituenda Unione dei Comuni del Lagonegrese.

Faccio seguito alla lettura dello Statuto della nuova Unione di Comuni “Unione Lucana del Lagonegrese-Mercure,Noce,Sinni” per formalizzare le osservazioni e le riflessioni che il documento mi ha suggerito.
Innanzitutto non si può non evidenziare la mancanza di dibattito e di riflessioni su un documento così importante e delicato, io direi epocale per le nostre comunità. L’auspicio è che, per quanto ancora possibile, si provvederà a recuperare questa grave inadempienza.
Nel mentre il governo nazionale ci ripensa e rinvia tutto al prossimo 31.12.2015 e la legge regionale si impaluda in commissione, i “nostri Sindaci” accelerano sull’atto che, secondo il parere dell’Anpci, è l’anticamera della perdita dell’autonomia e dell’identità   dettaglio

13-05-2015

Campania: Manifestazione a Napoli lunedì 4 maggio

Campania: Manifestazione a Napoli lunedì 4 maggio di tanti cittadini (e delle amministrazioni) del Vallo di Lauro perchè venga riaperto il "Parco degli Ulivi"

Il sindaco di Lauro, # AntonioBossone, insieme alle forze sociali del Vallo, parteciperà lunedì 4 maggio (ore 12) al sit-in di protesta per la riapertura dell'ex clinica # ParcoDegliUlivi di Moschiano promossa dall'Anpci, dall'Unione dei comuni "Antico clanis" e dalla rete civica "Onda verde" dinanzi il palazzo della Regione Campania, in via Santa Lucia a Napoli. Per l'occasione, gli organizzatori metteranno a disposizione dei cittadini del Vallo che vorranno partecipare 2 autobus per il viaggio e con le seguenti fermate:

ore 9,00 - piazzale Parco degli Ulivi (Moschiano);
ore 9,15 - spiazzo Cimitero (Quindici);
  dettaglio

29-04-2015

Anpci Calabria Appello contro l'associazionismo coatto

Alla luce dei provvedimenti legislativi che minacciano seriamente la sopravvivenza dei Piccoli Comuni, considerata la volontà di molti influenti esponenti politici nazionali (il Presidente dell’ANCI, On.le Piero Fassino, sostiene che occorre azzerare tutti i Comuni con meno di 5.000 abitanti), tenuto conto che lo Stato e le Regioni stanno legiferando sul “Riordino delle Funzioni Amministrative Nazionali e Regionali, di Area Vasta, delle Forme Associative di Comuni e Comunali”, l’ANPCI sta avviando una serie di iniziative a livello Nazionale e Regionale per combattere con tutti i mezzi e in tutte le sedi il progetto di cancellazione dei Comuni sotto i 5000 abitanti che sono oltre 5600 su un totale di 8050 circa. In pratica, quasi il 70% dei comuni d'Italia è sotto i 5000 abitanti. Quindi, se il piano di azzeramento avesse successo, significherebbe stravolgere il volto   dettaglio

Facebook You Tube

Pagina generata in 0.72572994232178 secondi